Il sole e può essere un grande nemico dei capelli. Per fortuna, ci sono prodotti che sono responsabili della loro riparazione donandogli un aspetto sano. Fortunatamente per molti, l’industria farmaceutica ha sviluppato numerosi prodotti per la riparazione, tra cui alcuni alleati per aiutare i capelli, ossia gli oli.

A cosa servono?

Ci sono vari tipi di oli, ma generalmente tutti forniscono gli stessi vantaggi. La loro principale azione è l’idratazione dei capelli. L’olio idratante condiziona le cuticole dei capelli e la loro riparazione. Inoltre rende il look dei capelli più lucidi e più esteticamente gradevole.

Cosa scegliere?

La varietà di oli presenti sul mercato è molto ampia. Gli oli più comunemente presenti nei prodotti per i capelli sono: mandorle, argan, noce di cocco, lino, e alcuni fiori utilizzati, come la rosa e la margherita, anche se più rari. Le differenze sono la composizione e le tipologie di acidi grassi. Alcuni hanno più tipi di acidi grassi polinsaturi, mentre altri combinano più vitamina E. Molti di essi vengono utilizzati anche per idratare e nutrire la pelle e per ridurre la cellulite, a testimonianza del loro potere benefico.

Come usarli?

Secondo gli esperti, è meglio evitare le ricette casalinghe che si applicano sotto forma di olio puro, ed è meglio rivolgersi a prodotti commerciali contenenti oli concentrati nella giusta misura. L’utilizzo dell’olio per capelli è versatile. Alcune formule sono pronte per essere applicate sui capelli asciutti: in gran parte sulle punte, evitando il cuoio capelluto, e lasciare capelli lucenti e sani. Altri sono applicate come blister restaurativa sui capelli bagnati e possono essere attivate con una fonte di calore.

Come applicarli?

In generale, la frequenza di applicazione dipende dal danno che ognuno ha. In capelli gravemente stressati che hanno subito tinture e permanenti, l’olio può essere applicato tutti i giorni. Per i capelli con gravi danni, sono raccomandati trattamenti intensivi, che consistono nell’applicare una maggiore quantità di prodotto su tutta la capigliatura, avvolgendo i capelli anche con un asciugamano caldo, per venti o trenta minuti e poi risciacquare. Questa azione tempestiva, è come se si trattasse di una scossa e può essere fatto una volta alla settimana. Invece, è preferibile per chi ha i capelli grassi evitare questi oli o usarli meno frequentemente. Si tratta di oli necessari per i capelli secchi e danneggiati da agenti come cloro, mare e sole che aumentano il loro deterioramento.